Bilancio semestrale 2020

Recentemente, e’ stata pubblicata l’Ordinanza del Ministro delle finanze pubbliche n. 2206 del 24 luglio 2020 per l’approvazione dei sistemi di rendicontazione alla data del 30 giugno 2020 per gli operatori economici, nonché per la compilazione della necessaria documentazione correlata (Gazzetta Ufficiale n. 675 del 30 luglio 2020).

Come è ormai risaputo, secondo quanto previsto dall’art. 28 cpv. (2) della legge contabile n. 82/1991, ripubblicato, con successive modifiche e integrazioni, il Ministero delle finanze pubbliche può richiedere la predisposizione di relazioni contabili (Bilanci infrannuali) per tutte le persone giuridiche di diritto romeno e succursali costituite in Romania per gli altri periodi annuali, nel quadro del periodo amministrativo che rimane annuale.

Chi è soggetto all’obbligo del Bilancio semestrale 2020:

Il sistema di rendicontazione alla data del 30 giugno 2020, si applica agli operatori economici che nell’esercizio precedente (2019) hanno registrato un fatturato superiore a 220.000 lei.
Le informazioni contenute nelle relazioni sono fornite sulla base della disciplina accessoria applicabile a ciascuna categoria di operatori economici, rispettivamente il Regolamento per il rilascio del bilancio individuale annuale e del bilancio consolidato, approvato dall’O.M.F.P. no. 1.802 / 2014, o Regolamento dovuto alla contabilizzazione con International Financial Reporting Standards, approvato da O.M.F.P. no. 2844/2016.
La relazione contabile del 30 giugno 2020 è di ritirare una scadenza territoriale del Ministero delle finanze pubbliche fino al 30 settembre 2020.
In merito al Regolamento Contabile approvato dall’O.M.F.P. no. 1.802 / 2014 – si segnalano alcuni chiarimenti in merito alla determinazione dell’ammortamento delle immobilizzazioni:

a) le entità che intendono applicare alle loro immobilizzazioni materiali il passaggio al metodo della rivalutazione del metodo del costo, dovranno determinere la quota di ammortamento in base al valore delle attività , corretta e adeguata rispetto alla modifica delle rispettive politiche contabili;

b) l’ammortamento delle immobilizzazioni non è mai interrotto, e nemmeno ridotto per il tempo di non utilizzo delle stesse.